Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

Conferenza:” Il Lido di Venezia”. L’isola della modernità

venerdì 8 giugno @ 18:30 - 19:30

Venerdì 8 giugno ore 18:30
VITTORIO PAJUSCO
” Il Lido di Venezia”. L’isola delle modernità.

La conferenza si tiene nella sala ” Pacifico Guidolin” presso la Biblioteca Comunale di Castelfranco Veneto, via dell’ Abbaco 1

Per iformazioni: +39 366 9598 745
e-mail              :  amicimuseicastelfranco@gmail.com

Vittorio Pajusco

Vittorio Pajusco si è laureato in Storia delleArti e Conservazione dei Beni Artistici all’Università Ca’ Foscaridi Venezia con il massimo dei voti e la lode, ha conseguito il titolodi Dottore di Ricerca in Storia delle Arti (Ca’ Foscari, IUAV).I suoi ambiti di ricerca coprono l’arte moderna e contemporanea,con particolare attenzione alla storia delle esposizioni d’artedel XIX e XX secolo. Negli anni ha collaborato con la CollezionePeggy Guggenheim, l’ASAC (l’Archivio storico de La Biennaledi Venezia) e i Musei Civici veneziani soprattutto per la Galleria Internazionale d’Arte Moderna di Ca’ Pesaro.

Il Lido di Venezia, l’isola della modernità

Nel 1845 John Ruskin, l’artista e letterato inglese, torna a Venezia per preparare il suo libro Le pietre di Venezia e scopre con orrore che la città è cambiata, non serviva più un romantico giro in gondola per raggiungere la città lagunare perché è stato costruito il ponte ferroviario; all’esterno di moli palazzi poi erano stati inseriti dei fanali con luce elettrica, lo scrittore così commenta nei suoi taccuini: “pensate il nuovo stile delle serenate alla luce delle lampade a gas”.

Alla metà del 1800 quindi il governo austriaco comincia il processo di modernizzazione della città, l’isola del Lido risulta in questi anni in stato di semiabbandono e per questo disponibile per qualsiasi tipo di destinazione. Si attua sin dall’inizio un progetto di urbanizzazione associato alla creazione di stabilimenti balneari. All’inizio le difficoltà riguardano l’approdo del Lido infatti non esiste nessuna rete viaria e quindi si crea innanzitutto una prima strada (attuale Gran Viale) che porta dalla zona verso Venezia (Santa Maria Elisabetta) alla zona costiera delle spiagge.

All’inizio del 1900 il Lido è già un centro urbano con servizi quali caserme, scuole e ospizi. Grande la varietà di edilizia privata alto borghese vengono infatti chiamati importanti architetti per progettare le “Villette del Lido” con stili differenti legati al Liberty, alla Secessione viennese e l’Art Nouveau francese. Sul versante marino sono già presenti i primi grandi alberghi L’Hotel de Bains e l’Excelsior e quindi il Lido diventa il luogo d’eccellenza del turismo balneare dell’élite europea. Nel periodo tra le due guerre mondiali continua il rinnovamento della “spiaggia dorata” con la creazione dell’aeroporto, del tiro a volo, del luna park, del campo da golf, del casinò e del festival del cinema nato nel 1932 per volontà dell’industriale Giuseppe Volpi di Misurata. Volpi, già ministro delle finanze del governo Mussolini, è presidente della Biennale e della CIGA (Compagnia italiana Grandi Alberghi) quindi la valorizzazione del Lido è per lui un affare economico. Nel secondo dopoguerra al Lido si assiste una grande inurbamento che spesso è andato anche a rovinare l’aspetto iniziale di città balneare, continua comunque, per tutti gli anni Cinquanta e Sessante, l’effetto benefico del Festival del cinema che attira sulla spiaggia i divi dello spettacolo e le teste coronate d’Europa.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Ecco alcune immagini dell’interessante conferenza del professor Pajusco

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Dettagli

Data:
venerdì 8 giugno
Ora:
18:30 - 19:30
Categoria Evento:

Luogo

BIBLIOTECA COMUNALE DI CASTELFRANCO VENETO
Vicolo dell’Abbaco
Castelfranco Veneto, 31033 Italia
+ Google Maps
Top